Alzheimer: un viaggio in due – Consigli per viaggiare con una persona che soffre di Alzheimer

Alzheimer: un viaggio in due – Consigli per viaggiare con una persona che soffre di Alzheimer

Con l’avvicinarsi dell’estate milioni di italiani programmano le proprie vacanze lontane dallo tran-tran quotidiano.
Per un caregiver familiare che si occupa dell’assistenza del proprio parente con Alzheimer, però, un allontanamento da casa può essere un problema di difficile gestione.

Una vacanza, infatti, è un’improvvisa interruzione della routine quotidiana, una delle poche condizioni di stabilità nella vita di una persona che convive con una malattia neurodegenerativa. Può essere disorientante e presentare una serie di ostacoli che devono essere fronteggiati con largo anticipo e con un’organizzazione accurata.

Ecco alcuni piccoli consigli da seguire per partire con una maggiore tranquillità.

1. Volo aereo

Se per raggiungere la propria meta estiva si rende necessario un viaggio in aereo, occorre ricordare che anche una persona che soffre di una forma precoce di Alzheimer, non dovrebbe viaggiare da sola.

Meglio prenotare un volo diretto e scegliendo preferibilmente le prime ore della giornata, momento in cui il proprio caro è tendenzialmente più tranquillo e ben disposto.

Nella preparazione del bagaglio a mano assicuratevi di inserire il necessario per ogni evenienza, nel caso di uno smarrimento della valigia imbarcata o eventuali ritardi del volo, come un cambio di vestiti, un pigiama, e i documenti necessari (numeri di emergenza e un elenco aggiornato con medicine e dosaggi).

Nella fase del check-in informarsi con largo anticipo sulla possibilità di usufruire delle corsie preferenziali riservate a persone con ridotta mobilità, così da ridurre code e attese.

Non dimenticarsi, una volta superati i controlli, di comprare qualcosa da mangiare e, soprattutto, qualche bottiglietta di acqua, in base alla lunghezza del viaggio, per evitare la disidratazione, uno dei rischi maggiori per le persone anziane.

Portare, infine, qualcosa di manuale da poter fare durante il volo come un puzzle, un lavoro a maglia o carte da gioco, in base alle preferenze del vostro genitore: lo terrà impegnato e rilassato.

2. Viaggio in automobile

In generale sarebbero da escludere lunghi viaggi in macchina, troppo faticosi per una persona con difficoltà cognitive.

Nel caso non si possa scegliere, meglio evitare gli orari di punta e le giornate da bollino rosso così da non rimanere imbottigliati nel traffico con il caldo estivo.
Ricordarsi di fare diverse soste lungo il tragitto, rimanendo sempre vicino ai propri cari: i posti nuovi, infatti, possono spaventare e creare un senso di confusione.
Scegliere una musica rilassante o quella preferita dal proprio genitore, infine, potrebbe aiutare a trascorrere un viaggio piacevole e senza inconvenienti.

3. Soggiorno in hotel

Se in vacanza è previsto un soggiorno in hotel, meglio scegliere una camera grande e il più possibile tranquilla da rumori esterni.
Affinchè siano preparati ad affrontare ogni evenienza, è raccomandabile avvisare con largo anticipo lo staff dell’hotel riguardo alla propria situazione e anticipare qualunque richiesta o necessità.
Se il proprio caro soffre di wandering, cioè gli capita di vagabondare apparentemente senza meta, spesso uscendo anche da casa, va osservata qualche precauzione aggiuntiva.
Si può chiedere in hotel, per esempio, se è possibile installare campanelli di allarme alle porte per segnalare eventuali uscite dalla stanza, soprattutto se notturne.
Controllare che il proprio caro sia sempre munito di un documento di identificazione o, in alcuni casi, meglio fargli indossare un braccialetto di identità che rechi impresso il nome, l’indirizzo e il numero di telefono.

 

Instagram

Iscriviti alla Newsletter
Inserisci il tuo indirizzo e-mail

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi